Cerco un fotografo onesto...

Aggiornamento: set 28



Cerco un fotografo onesto per le mie foto da incinta!


L’altro giorno sono venute a trovarci in studio due future mamme, due amiche, che volevano avere informazioni sui nostri servizi ed erano curiose di vedere il nostro studio di persona e conoscere i “Vanilla”.


Abbiamo mostrato loro un po’ di foto e spiegato tutti i servizi che è possibile fare, dalla consulenza d’immagine, al trucco, dalle pose al prenderci cura di loro, oltre a tutto il lavoro di post-produzione sulle immagini.

Una delle due mamme era una nostra fan da tempo e non vedeva l’ora di fare il suo servizio fotografico di gravidanza, l’altra, invece, non ci conosceva, ed è rimasta un po’ perplessa quando ha visto il valore dei nostri pacchetti Maternity.


Lì è successa una cosa paradossale, ma abbastanza chiara di come si divide spesso l’opinione delle persone. Noi siamo rimasti senza parole per quanta saggezza abbiamo sentito...


La mamma fan, ha preso il telefono dalla borsa e ha detto, rivolgendosi all’amica:

ma Lucia (nome di fantasia) tu mica sarai una di queste mamme dei vari gruppi Facebook che cercano un fotografo onesto?

Lo sai cosa vuol dire fotografo onesto?

Vuol dire solo che stai cercando di risparmiare. Risparmiare su qualcosa che riguarda te in prima persona oppure peggio, su tuo figlio quando nascerà! Questa è una cosa che stai facendo per te, che ti rimane, quanto deve essere bella una cosa per te?

Tanto o poco? Perché questo è il valore che stai decidendo di dare a questa cosa: poco o tanto. Tanto è il valore che ti stai dando. Se è una cosa di cui non ti frega niente, allora fai bene a risparmiare, ma se è una cosa dove poi vuoi essere fiera di averla fatta, vuoi vederla, farla vedere, allora no, non è questo il momento. Mi spiace, tutti dobbiamo fare i conti coi soldi, ma non su queste cose che poi rimangono per sempre, può essere che le vedranno i tuoi nipoti un giorno.

Poi, ognuno fa quello che può ovviamente, questa è una di quelle cose che non ti deve togliere il pane dalla bocca, non è un bene primario, ma come ce ne sono tante, Gucci, Chanel, iphone, Pandora… non sei obbligata.

E poi quanto tempo sprechi a chiedere preventivi, cercare quello che costa meno, cosa è compreso, cosa no, senza guardare davvero che foto fanno! Guarda questo (ha mostrato una foto in gravidanza piatta e senza emozioni di un fotografo di Torino), questo costa poco, ci è andata una mia amica, 120€ tutte le foto su cd. Sono Belle? No! Guarda qua (ha preso uno dei nostri album esposti sulla scrivania), e vedi se trovi una foto brutta! È ovvio che costa di meno, come tante cose ci sono quelle che costano poco e dici “vabbè passiamo oltre” e poi ci sono le cose di valore, quelle belle, quelle dove ci vuoi essere tu e non la tua vicina di casa!



Volevamo prendere del marmo per fare una statua alla super mamma fan.

Questa mamma ha detto tante cose vere in modo così spontaneo ed è così che funziona dentro ognuno di noi. Se dovete scegliere un fotografo che deve ritrarre voi o il vostro bambino appena nato, non guardate prima quanto costa, la quantità, guardate se in quella foto vorreste esserci voi, guardate cosa vi comunica, cosa provereste se doveste domani mostrarla a chi conoscete.


Forse serve un’amica a volte per dirti le cose più chiare di come le direbbe un testo o una pubblicità professionale.


Da questa esperienza e confrontandoci con delle clienti ci siamo resi conto che, chi non è del mestiere, non sa riconoscere una fotografia artistica da una piatta e anonima, e non si rende conto di pagare un inesperto pur di risparmiare.

Per aiutarvi a districarvi meglio nella scelta del fotografo di famiglia e a chi affidare ricordi e soldi, vi vogliamo mostrare quanto sia semplice fare una foto piatta ed economica rispetto a creare una immagine di valore artistico.


Stessa modella, stesso fondale, stesso abito.

Nella prima immagine c'è un accurato studio delle luci per creare ombre dove servono, per emozionare. Per esaltare i punti giusti. Una posa ricercata rende la figura più interessante e la postproduzione dettagliata conclude un lavoro di fino.


La seconda è una foto scattata con una luce posizionata male che rende la modella piatta (come se ne vedono tante a Torino purtroppo), per una immagine finale che non comunica assolutamente niente.


Ad un occhio inesperto potrebbe sembrare bella anche l”immagine piatta, ma cosa comunica davvero?

La prima immagine, invece, esprime bellezza pura, attesa, mistero e fascino, ricerca e arte. Quanto può costare un ritratto di valore di questo tipo?

Come puoi capire non è il fondale o l’abito che fanno la differenza, ma la professionalità del fotografo a cui ti affidi.

Puoi decidere solo tu cosa sia meglio per te e per la tua famiglia.

Fotografia comunicativa e artistica

Fotografia banale e piatta


51 visualizzazioni